A.N.B. Regione Campania

Vai ai contenuti

Menu principale:

3° Reggimento

Generalità > Bersaglieri > Reggimenti


Il Reggimento ha sede a Capo Teulada.

"Maiora viribus audere

Il Comando dei Bersaglieri del 3° Corpo d'Armata formato a seguito R. Decreto 24 gennaio 1861, il 31 dicembre dello stesso anno prende nome di 3° Reggimento Bersaglieri con soli compiti amministrativi e disciplinari.

L'unità, a datare dal 1° gennaio 1871 assume anche fisionomia operativa ed è formata dai battaglioni XVIII, XX, XXV e XXXVIII; dal 1° ottobre 1910 dispone anche del III battaglione ciclisti soppresso poi nel novembre 1919.

Nel luglio 1924 tutto il reggimento è trasformato in unità ciclisti e tale rimarrà sino al 1936. L'ordinamento 1926 ne prevede la formazione su comando, XVIII e XX battaglione ai quali si unisce nel 1935, anche il XXV.

Nel 1939 è inquadrato nella Divisione Celere "Principe Amedeo Duca d'Aosta" (3^) con la quale prende parte al secondo conflitto mondiale. Al rientro dal Fronte Russo si disloca per riordinarsi in Emilia dove verrà sciolto a seguito dell'armistizio dell'8 settembre.

Ricostituito il 1° luglio 1946, il 3° Reggimento Bersaglieri inquadra ancheil Battaglione "Goito"                                                        che ha partecipato alla guerra di Liberazione. Sciolto  il 20 ottobre 1975, resta in vita il XVIII                                                       battaglione   con  il nome   di  18° battaglione  bersaglieri  "Poggio Scanno"  per la 3^ Brigata                                                  meccanizzata  "Goito" della Divisione corazzata "Centauro".
Il 29 agosto 1991 si  ricostituisce  il  Reggimento  in  fase  sperimentale come   3° reggimento                                                             bersaglieri "Goito" che dal 1° agosto 1992 assume la denominazione attuale.

Il 25 novembre 2009 si trasferisce dalla sede di Milano al Poligono di Capo Teulada dove assorbe il battaglione del 1° reggimento corazzato
.


La Bandiera di Guerra del 3° reggimento è decorata di due Ordini militari d'Italia, tre medaglie d'oro, tre d'argento e tre di bronzo al Valor Militare, una d'argento al Valor Civile ed una di bronzo al Merito Civile.


















Torna ai contenuti | Torna al menu